Inchiesta Esclusiva – GREAT RESET DI RE CARLO III CONTRO L’EUROPA. Dall’Imperialismo Britannico alla Dittatura dell’Intelligence

Inchiesta Esclusiva – GREAT RESET DI RE CARLO III CONTRO L’EUROPA. Dall’Imperialismo Britannico alla Dittatura dell’Intelligence

17.109 Views

di Matthew Ehret – originariamente pubblicato da Insight’s di Matthew Ehret

ORIGINAL ENGLISH VERSION

Matthew Ehret è caporedattore della Canadian Patriot Review e Senior Fellow presso l’American University di Mosca. È autore della serie di libri “Untold History of Canada” e della trilogia di Clash of the Two Americas. Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation con sede a Montreal.

Il giornalista Matthew Ehret è uno dei principali collaboratori di Gospa News Interntional

Questa settimana, il mondo è stato esposto a uno sfarzo inquietante, arcaico e bizzarro che non si vedeva da oltre 70 anni con l’incoronazione di re Carlo III a capo del Global British Commonwealth, capo della Chiesa anglicana e portavoce di un programma chiamato Global Britain che è stato portato online come mandato ufficiale del partito conservatore nel 2021.

Dalla gestione di un impero globale di schiavitù economica e dall’aver invaso quasi ogni nazione sulla Terra una volta o l’altra[2], la Gran Bretagna continua a esercitare un vasto controllo sulle concessioni minerarie dell’Africa con oltre 1 trilione di dollari di interessi minerari diretti controllati da britannici e/o o società con sede nel Commonwealth britannico. Secondo il rapporto del 2016 prodotto da War on Want[3]: “101 società quotate alla Borsa di Londra (LSE), la maggior parte delle quali britanniche, hanno attività minerarie in 37 paesi dell’Africa sub-sahariana. Controllano collettivamente oltre 1 trilione di dollari delle risorse più preziose dell’Africa.

L’INCORONAZIONE DI RE CARLO III VIOLA I DIRITTI UMANI ONU. L’Erede può Salire al Trono solo se si ”Dichiara Protestante” Precluse le altre Fedi

Il governo del Regno Unito ha usato il suo potere e la sua influenza per garantire che le società minerarie britanniche abbiano accesso alle materie prime africane. Questo era il caso durante il periodo coloniale e lo è ancora oggi”.


Dal punto di vista delle operazioni di intelligence globali, la Gran Bretagna è il creatore e la struttura di comando centrale dell’apparato di intelligence Five Eyes ed è stata anche soprannominata “Londonistan” per aver fornito rifugi sicuri a gruppi terroristici internazionali che hanno trovato rifugio sotto l’ideologia di superficie liberale del tollerante Gran Bretagna [4].

“JIHADISTI AL NUSRA FINANZIATI DAL QATAR”. SCOTLAND YARD INDAGA. Rifugiati Siriani e Americano Rapito in causa a Londra e in Florida contro le banche dell’Emirato. Partner dell’Italia

È stato anche scoperto che l’intelligence britannica ha contribuito a creare e/o ha continuato a sostenere gruppi terroristici a livello internazionale, come sottolineato dal ricercatore dell’EIR Michael Billington nel rapporto del 2020 British Creation and Control of Islamic Terror: Background to China’s Defeat of Terror in Xinjiang[5] .

Mentre alimentava il terrorismo globale e l’Islam radicale, l’intelligence britannica non perse tempo a coltivare le varianti più rabbiose del sionismo politico e creò lo stesso stato di Israele dal programma Roundtable/Fabian che venne chiamato “Gli accordi Balfour”. La storia della creazione da parte della Gran Bretagna del sionismo politico e anche del cristianesimo rapitore è delineata in un episodio del 2021 di The Great Game qui…


Questo potrebbe sorprenderti, ma la Corona britannica sembra essere il più grande proprietario di proprietà al mondo con possedimenti pari a 6,6 miliardi di acri in Australia, Nuova Zelanda, Irlanda del Nord, Canada, Gran Bretagna e Isole Falkland.

Inchiesta Esclusiva! SARS-COV-2 DA LABORATORIO & ISIS. L’inquietante Legame all’ombra di USA, CIA, UE e NATO. WuhanGates – video 3

Oltre alle “Crown Lands” e alle “Crown Corporations” che sono legalmente di proprietà del monarca della Gran Bretagna, un’organizzazione chiamata “The Crown Estate” è uno dei più grandi gruppi immobiliari del mondo. Descrivendo l’istituzione che invia ogni anno il 25% dei suoi guadagni direttamente nella borsa del monarca, Die Welt Business ha detto questo

“The Crown Estate possiede proprietà in tutto il Regno Unito, da castelli e cottage a terreni agricoli e foreste, oltre a parchi commerciali e centri commerciali. Possiede più della metà dell’intera costa del Regno Unito, il che gli conferisce diritti d’asta di enorme valore per attività commerciali offshore, come i parchi eolici”.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile

Dopo aver cliccato sull’articolo che vi interessa ed essere entrati nella Sezione in Inglese basta cliccare sulla Bandierina Inglese delle lingue (sotto il menù in alto a destra o in basso a sinistra) facendo scorrere la finestrella finché non appare la bandierina della lingua Italiana

Global Britain, Intelligence Hands and King Charles’ Great Reset


QUASI UCCISO DALL’AUTOBOMBA SCRITTORE RUSSO. Arrestato Giovane reclutato dagli 007 di Kiev

AGGIORNAMENTO DEL 7 MAGGIO 2023

Il principale sospettato dell’attentato all’auto che trasportava Zakhar Prilepin ha ammesso di essere collegato ai servizi di intelligence ucraini, ha rivelato sabato il comitato investigativo russo.

Prilepin, un eminente scrittore e attivista politico russo, è stato preso di mira da una bomba sul ciglio della strada all’inizio della giornata nel villaggio di Pionersky, a circa 70 km dall’omonima città, situata a circa 400 km a est di Mosca. L’esplosione ha ucciso il socio di Prilepin, che guidava l’auto, e ha lasciato lo scrittore gravemente ferito.

Il sospetto, identificato come Alexander Permyakov, 29 anni, nato in Ucraina, è stato arrestato poco dopo l’attacco mentre cercava di scappare a piedi. La gente del posto ha allertato la polizia dell’uomo in fuga, che alla fine è stato catturato in un villaggio vicino.

Alexander Permyakov in arresto

Durante l’interrogatorio, Permyakov ha ammesso di aver tentato di assassinare Prilepin, rivelando di essere stato reclutato da un non meglio specificato servizio di intelligence ucraino nel 2018. sul ciglio della strada e ha aspettato che passasse l’auto di Prilepin prima di far esplodere gli esplosivi a distanza.

ARTICOLO PUBBLICATO IL 6 MAGGIO 2023

Un altro attacco terroristico in russia prende di mira un attivista politico fedele al governo dopo coloro che hanno ucciso il blogger Vladlen Tatarsky e la giornalista Darya Dugina.

La polizia russa ha annunciato di aver arrestato un uomo che potrebbe essere collegato all’esplosione della bomba che ha ferito il famoso scrittore e attivista politico russo Zakhar Prilepin uccidendo un suo collaboratore.

In una dichiarazione, la portavoce del ministero dell’Interno russo Irina Volk ha affermato che “durante un inseguimento nella regione di Nizhny Novgorod, gli agenti di polizia hanno arrestato un uomo che potrebbe essere stato coinvolto nell’esplosione dell’auto con dentro Zakhar Prilepin”. Non ha fornito ulteriori dettagli sul sospettato.

Volk ha detto che l’uomo “era stato avvistato vicino al villaggio di Pionersky, secondo i testimoni”. Il villaggio si trova a circa 70 km da Nizhny Novgorod, il centro amministrativo dell’omonima regione, a circa 400 km a est di Mosca.

International Breakings by Gospa News – “ATTENTATO AL BLOGGER RUSSO DEGLI 007 UCRAINI”. Accuse di Mosca dopo la Confessione dell’Assassina (Video Esclusivo)

Il ministero dell’Interno ha affermato che il sospetto di 30 anni, che ha precedenti penali, è stato arrestato mentre gli agenti di polizia stavano attuando una rete a strascico. Una fonte del canale televisivo Ren aveva precedentemente identificato l’uomo come un residente locale che aveva recentemente ricevuto la cittadinanza russa, aggiungendo che era stato interrogato dalle forze dell’ordine.

Il canale Baza Telegram ha notato, citando fonti, che la polizia sta effettuando un raid a Nizhny Novgorod per effettuare un altro arresto correlato all’attacco, descrivendo il secondo sospettato come un uomo di 33 anni che aveva affittato un appartamento alla periferia della città un giorno prima dell’esplosione.

Si dice che l’uomo abbia attirato l’attenzione della polizia perché è registrato nella regione ucraina di Kharkov.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile

Car Bombing almost Killed Russian Writer Prilepin. Suspect Arrested by Police had been Recruited by Ukraine Intelligence in 2018


Video – ESPLOSIONI A KIEV DOPO ATTACCHI DRONI AL CREMLINO. Mosca “Attentato dell’Ucraina a Putin. Zelensky va Eliminato”

I media ucraini hanno riferito di una serie di esplosioni nella capitale e in diverse altre città con difese aeree attivate per respingere presunti attacchi di droni e missili russi giovedì mattina.

«Diverse esplosioni sono state udite a Kiev dopo che l’amministrazione della città ha avvertito i residenti di un attacco in arrivo intorno alle 2 del mattino ora locale, secondo l’agenzia di stampa Unian», secondo Russia Today.

Allo stesso tempo sono state segnalate almeno esplosioni a Odessa, riferisce l’agenzia di stampa RBC Ucraina. I residenti locali hanno condiviso foto e video non confermati dei presunti scioperi su Telegram.

Gli inviti alla gente a prestare attenzione alle minacce missilistiche sono arrivati anche dalle regioni di Nikolayev, Poltava, Chernigov, Sumy, Kharkov e Dnepropetrovsk, tra le altre. Il ministero della Difesa russo finora non ha commentato i presunti attacchi.

I bombardamenti segnalati avvengono dopo che l’Ucraina avrebbe lanciato due attacchi con droni destinati a colpire la residenza del Cremlino del presidente russo Putin. L’aereo è stato abbattuto utilizzando misure di guerra elettronica e non ha causato vittime o danni, secondo l’ufficio del presidente russo.

“Consideriamo questa un’azione terroristica pianificata e un tentativo contro il presidente russo”, si legge in un messaggio dal Cremlino. La Russia si riserva il diritto di reagire in modi, luoghi e tempi a sua scelta, ha aggiunto la dichiarazione.

“I leader del regime di Kiev saranno inevitabilmente puniti” Ministero della Difesa russo

“L’attacco al Cremlino, gli attentati ai leader politici, gli atti di sabotaggio alle ferrovie, alle linee di trasmissione dell’elettricità e alle infrastrutture, compresa l’esplosione del ponte di Crimea e le esplosioni del gasdotto, sono i fatti delle attività terroristiche del regime di Kiev e i suoi sponsor”, ha detto Vladimir Vasilyev, leader della fazione del partito al governo Russia Unita nella Duma di Stato, o camera bassa del parlamento russo, sul canale Telegram della fazione.

NEONAZISTI UCRAINI “EROI” PER IL ‘GURU” DELLA MELONI. Il Sottosegretario Fazzolari Elogia i Feroci Paramilitari di Estrema Destra

«I caporioni del regime di Kiev e i loro servi saranno rintracciati e inevitabilmente e opportunamente puniti, ha detto domenica il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov in una conferenza stampa», ha riferito l’agenzia di stampa russa TASS.

“Tutti i volti, le voci, i telefoni, i luoghi, gli indirizzi IP e i messaggi di tutti i nazisti ucraini, responsabili dell’umiliazione e della tortura dei nostri compagni, vengono identificati e registrati. Lo stesso riguarda i capi del regime di Kiev e i loro scagnozzi, che chiedono la tortura dei soldati russi in violazione della convenzione sul trattamento dei prigionieri di guerra. Tutti voi sarete rintracciati e inevitabilmente e opportunamente puniti”, ha detto.

Dopo l’attacco dei droni al Cremlino, la Russia non ha altra scelta che eliminare Zelenskyj e Medvedev

“Dopo l’attacco terroristico di oggi, non ci sono altre opzioni oltre all’eliminazione fisica di Zelensky e della sua cricca“.

Il presidente ucraino Vladimir Zelensky, secondo Medvedev, “non è nemmeno necessario per firmare uno strumento di resa incondizionata”, ha detto mercoledì il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, sul suo canale Telegram.

“Nemmeno Hitler, come è noto, l’ha firmato. Ci sarà sempre qualche sostituto”, ha scritto Medvedev.

ZELENSKY, SERVO DELLA NATO E DI SATANA! Arrestato Vescovo Ortodosso di Kiev per Pasqua. Altro Attentato Esplosivo in Russia dopo quello a Dugina

«Il segretario di Stato americano Antony Blinken, che famigeratamente mente sulla Russia, dice che “non può convalidare” queste affermazioni e “prenderebbe qualsiasi cosa che esce dal Cremlino con una grande agitazione di sale.”» Gateway Pundit ha riferito.

Gli Stati Uniti “non stanno incoraggiando o consentendo all’Ucraina di colpire oltre i suoi confini”, ha detto mercoledì ai giornalisti il segretario stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. Jean-Pierre ha parlato dopo un tentativo di attacco di droni al Cremlino, che i funzionari russi hanno attribuito a Kiev.

Cremlino nel Mirino dopo una lunga serie di sabotaggi e assassinii in Russia da parte degli Ucraini

La Russia denuncia un attacco con due droni al Cremlino per un attacco al presidente Vladimir Putin e annuncia risposte energiche ma il portavoce del governo di Kiev nega ogni responsabilità affermando che non rientra tra i propri obiettivi attaccare altri Paesi.

Le smentite del regime ucraino di Volodymir Zelensky sarebbero potute anche essere credibili se non fossero arrivate alla fine di una lunga serie di attentati a obiettivi sensibili in cui l’intelligence russa FSB ha sempre individuato la mano dei terroristi ucraini.

ATTENTATO A DARYA DUGINA. FSB Identifica un altro Ucraino: è Accusato di aver Costruito la Bomba (video)

Sia nell’attentato dell’agosto 2022 alla giornalista Darya Dugina, figlia del filosofo cristiano russo Alexander Dugin, sia nell’attentato del febbraio 2023 al blogger ed ex combattente del Donbass Vladlen Tatarsky, il Servizio di sicurezza federale (FSB) della Russia ha identificato la mente di Kiev.

Ma erano emerse anche le responsabilità dei servizi segreti ucraini in relazione al sabotaggio del ponte di Kerch che collega la Crimea alla regione russa di Krasnodar oltre che nei numerosi attentati alla città di frontiera russa Bryansk.

Kiev’s Mastermind behind Military Blogger’s Murder in Blast Identified by Russia Secret Service

Fu preso di mira da un attacco di sabotatori ucraini il 2 marzo 2023, scatenando la rappresaglia dell’esercito di Mosca che lanciò sull’Ucraina 84 missili, di cui almeno 6 Kinzhal, molto letali perché non intercettabili.

Nei giorni scorsi Bryansk è stata nuovamente presa di mira con attacchi di droni e una sospetta esplosione che ha fatto deragliare un treno.

COI MISSILI IPERSONICI LA RUSSIA PUO’ SCONFIGGERE L’UCRAINA SUBITO. Ecco perché Putin non li Usa ma l’Europa vuole Arrestarlo

L’impressione è che il regime di Kiev, sostenuto da gruppi paramilitari neonazisti, voglia provocare un’escalation del conflitto con continue provocazioni dopo le ripetute sconfitte sul campo che rendono difficile una controffensiva nel Donbass.

Ecco perché la strategia di Zelensky, sempre più al servizio della NATO e della lobby delle armi, potrebbe essere quella di provocare deliberatamente una reazione con le armi nucleari di Putin per giustificare lo scoppio di una guerra senza confini.

MISSILE NUCLEARE RUSSO ZIRCON NEL MEDITERRANEO. La Fregata Admiral Gorshkov entrata dal Canale di Suez – International Breakings by Gospa News

Questo sarebbe molto pericoloso per i Paesi del Mediterraneo a causa della presenza della fregata Admiral Gorshkov nel porto siriano di Tartus con il missile Zircon che può caricare una testata atomica.

Aggiornamenti in tempo reale sull’attacco QUI su GOSPA NEWS INTERNATIONAL

I droni di Kiev hanno attaccato di notte il Cremlino, Putin illeso

Il presidente russo Vladimir Putin non è stato ferito e continua a lavorare come al solito dopo il tentato attacco di droni di Kiev contro il Cremlino questa notte, ha detto mercoledì il servizio stampa presidenziale.

“Il presidente russo non è stato ferito a causa dell’attacco terroristico. Il suo programma non è cambiato e continua come al solito”, ha detto il servizio stampa.

«Secondo il servizio stampa, questa notte “il regime di Kiev ha effettuato un tentativo di sferrare un attacco con veicoli aerei senza equipaggio contro la residenza del presidente russo al Cremlino. Due veicoli aerei senza pilota (Uav) hanno preso di mira il Cremlino» ha riferito l’agenzia di stampa russa Tass.

Qui il link video se Rumble non funziona correttamente…

“Come risultato di azioni tempestive intraprese dai servizi militari e speciali che utilizzano sistemi di guerra elettronica, i droni sono stati disattivati”, ha affermato il Cremlino. “La loro caduta e i frammenti sparsi sul territorio del Cremlino non hanno causato vittime o danni materiali”, ha sottolineato il servizio stampa.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile

https://www.gospanews.net/en/2023/05/03/video-drones-attack-to-kremlin-moscow-ukrainian-assassination-attempt-on-putin-foiled-harsh-reaction/


LA STRAGE DI ODESSA: Il Punto di non Ritorno nella Guerra Civile del Donbass

dello storico russo Evgeny Norin

Di seguito pubblichiamo alcuni estratti dei vari paragrafi del lungo e dettagliato articolo leggibile in Inglese con traduzione simultanea disponibile

Nove anni fa accadde qualcosa di significativo a Odessa, una città storicamente importante nel sud-ovest dell’Ucraina. Sebbene l’Occidente non lo vedesse come tale, per la Russia e le repubbliche del Donbass appena formate, ciò che accadde lì divenne un episodio simbolico.

Dalla fine del 2013 all’inizio del 2014, a Kiev, la capitale dell’Ucraina, si stava svolgendo un conflitto tra il governo del presidente Viktor Yanukovich e l’opposizione filo-occidentale. La serie di eventi che ne sarebbe seguita è stata soprannominata “Euromaidan”. Nel frattempo, anche Odessa, città portuale sul Mar Nero, è stata ovviamente interessata da questi eventi, anche se in misura minore.

C-14, IL GERME DEL NEO-NAZISMO IN UCRAINA. Organizzazioni Nazionaliste e Russofobe tra gli 007 SBU svelate da un Italiano a Mariupol

Scontri occasionali con la polizia e tafferugli tra i sostenitori di Euromaidan e quelli allineati con il governo, che divenne noto come il movimento “Anti-Maidan”, non erano niente in confronto allo spargimento di sangue a Kiev, dove le persone sono state uccise.

Molti ucraini non hanno accolto con favore l’Euromaidan e avevano le loro ragioni. Molti residenti di Odessa avevano forti legami con la Russia, e li hanno ancora. Quando l’Ucraina ottenne l’indipendenza nel 1991, un gran numero di russi viveva a Odessa e molti avevano parenti nel vecchio paese. La città fu costruita durante il regno di Caterina la Grande ed è sempre stata vista come parte integrante della storia della Russia.

GOLPE NATO IN UCRAINA: LA GENESI – 1. Strage di Cecchini in piazza Maidan a Kiev 2014 come quella con Regia CIA a Caracas 2002

Pertanto, il nazionalismo aggressivo di Euromaidan era in gran parte impopolare lì e molti locali erano spaventati da quella che sembrava essere una passione per la formazione di unità militanti. Euromaidan e Anti-Maidan a Odessa iniziarono a formare organizzazioni paramilitari parallele. Armati di una primitiva serie di bastoni, caschi da motociclista e armi fatte in casa, questi gruppi si addestravano per il combattimento di strada. All’inizio nessuno cercava una lotta all’ultimo sangue: i radicali non avevano ancora conquistato il ruolo di leader in nessuno dei due movimenti.

La mattina del 2 maggio, un treno fuori orario ha portato a Odessa circa 500 tifosi di Kharkov. Insieme a loro sono arrivati gruppi pro-Euromaidan che non hanno nulla a che fare con il calcio ma che erano armati di equipaggiamento da combattimento di strada, comprese armature personali e armi. Nel pomeriggio hanno iniziato a radunarsi in Piazza della Cattedrale, nel centro di Odessa.

Un gruppo anti-Maidan da 150 a 300 persone è partito da Kulikovo Field, che dista circa 30 minuti a piedi. Sebbene ampiamente in inferiorità numerica rispetto ai 2.000-3.000 combattenti e fan dell’Euromaidan, Dolzhenkov lo guidò comunque in direzione di Cathedral Square.

La polizia di Odessa ha rifiutato di intervenire negli eventi. Le sue forze principali di circa 700 ufficiali sorvegliavano lo stadio, mentre circa 80 seguivano gli attivisti anti-Maidan e 60 sorvegliavano il campo di Kulikovo. Ufficiali di polizia di alto rango erano stati convocati per una riunione e gli era stato ordinato di spegnere i telefoni.

UkraineGate: reporter islamico finanziato da Soros e Usa nel golpe 2014 ora ai vertici dell’industria di armi

Gli attivisti di Maidan avevano sostanzialmente già vinto la battaglia. Gli attivisti del campo di Kulikovo furono sconfitti. A questo punto, le persone vagavano semplicemente senza meta. Alcuni tifosi dello stadio si erano uniti al trambusto dopo la fine della partita. Ma gli eventi stavano per prendere una piega completamente diversa.

Mark Gordienko, uno dei leader del movimento Euromaidan di Odessa, è stato uno di quelli che hanno iniziato a gridare “Kulikovo!” incoraggiando la folla ad andare nel luogo in cui i manifestanti anti-Maidan avevano allestito il loro accampamento. Nel marzo del 2014, era noto per aver detto che “avrebbe abbattuto tutti i separatisti”. Quel giorno ebbe l’opportunità di mantenere la sua promessa. Più tardi, sembrò aver opportunamente dimenticato di aver guidato la violenza.

La Trade Unions House aveva all’interno circa 300 persone quella sera.

Alle 19:20 la folla inferocita di Euromaidan è entrata in piazza. Si sono spostati attraverso il campo abbandonato e hanno iniziato a lanciare bottiglie molotov contro la barricata di fronte all’edificio dei sindacati. Quelli all’interno hanno risposto lanciando alcune bombe molotov contro gli aggressori dal tetto. Fu allora che un giornalista che stava filmando tutto disse: “Adesso li uccideranno sicuramente”.

Gli aggressori hanno continuato a lanciare sassi e bombe improvvisate contro la barricata, che consisteva principalmente di mobili e casse di legno, e alla fine le hanno dato fuoco. I manifestanti dietro di esso si sono ritirati nell’atrio dell’edificio. Successivamente, molti rapporti hanno esagerato la portata della resistenza opposta da quelli nell’edificio dei sindacati. I filmati disponibili mostrano che gli aggressori si muovevano liberamente intorno alla piazza, senza bisogno di abbassarsi o mettersi al riparo perché non c’era fuoco contro di loro.

REPORTER ITALIANO UCCISO IN DONBASS: Assolto il Paramilitare Ucraino alleato dei Neonazisti. Come voluto da Soros & co.

La barricata era in fiamme e gli assalitori avevano appiccato il fuoco alle tende della piazza. L’intera piazza era piena di fumo e fiamme. Gli aggressori hanno continuato a lanciare bombe cocktail riempite con una miscela di napalm fatta in casa composta da benzina, acetone e polistirolo contro l’edificio. I manifestanti rintanati hanno chiamato i vigili del fuoco, ma non è venuto nessuno. I pochi poliziotti presenti sulla scena non hanno fatto nulla per interferire e si sono limitati a guardare lo svolgersi degli eventi.

Gli aggressori si sono assicurati che il fuoco non si spegnesse, lanciandovi dentro sempre più bombe cocktail. Hanno persino lanciato una gomma di un’auto in fiamme, mentre sparavano contro i finestrini con pistole antisommossa.

Poi la tragedia ha colpito.

L’esperto indipendente Vladislav Balisnsky ha spiegato che il fuoco che infuriava all’ingresso dell’edificio ha incendiato la vernice e la vernice sulle pareti e sul soffitto della sala. La porta d’ingresso in fiamme è crollata ei vetri delle finestre sono stati rotti uno ad uno da colpi di arma da fuoco, creando una potente corrente d’aria. L’effetto camino risultante trasformò la scala centrale in un enorme inceneritore, con temperature al centro che salivano a 600-700 gradi Celsius.

Burned alive: How the 2014 Odessa Massacre became a Turning Point for Ukraine

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile


MasterMind and Cover-up Investigations on ISIS Easter Bombing in Sri Lanka


PERCHE’ E’ NATA GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Il 27 marzo 2019 Gospa News ha aperto il sotto-dominio in lingua inglese anche per la necessità di preparare gli articoli per la piattaforma americana Veterans Today con cui il direttore Fabio Giuseppe Carlo Carisio collabora.

Carisio, è stato anche intervistato di recente da Jeff Brown che è fondatore della Bioweapon Truth Commission e vanta collaborazioni con i siti internazionali The Intel Drop e Reseau International.

L’inizio della guerra in Ucraina ha reso estremamente difficoltoso, per ragioni di tempo di traduzione e impaginazione, tradurre tutti gli articoli dall’Inglese in Italiano e viceversa. Pertanto soltanto le notizie più importanti compaiono in entrambe le lingue.

UKRAINE BIOLABS – 4. ARMI BATTERIOLOGICHE NWO. Intervista di Jeff Brown per China Rising a Fabio Carisio direttore di Gospa News

La sezione International di Gospa News è diventata così il contenitore di molti articoli selezionati sulle piattaforme più importanti di geopolitica e intelligence del mondo, che a volte vengono rielaborate all’interno di vere e proprie inchieste, altre volte vengono ripubblicate integralmente con brevi commenti da parte della redazione di Gospa News o del direttore.

Da oggi abbiamo deciso di inserire le principali notizie pubblicate solo in Inglese anche in questo spazio fisso sulla copertina di Gospa News in Italiano (dove le più recenti sono peraltro già presenti nella barra laterale poco visibile su smartphone e tablet). Sono state inserite in ordine di attualità ma anche di importanza.

Questo consentirà ai lettori anche di comprendere grazie a quali importanti fonti Gospa News seleziona le proprie notizie.

Inchiesta Esclusiva! SARS-COV-2 DA LABORATORIO & ISIS. L’inquietante Legame all’ombra di USA, CIA, UE e NATO. WuhanGates – video 3

Alcuni link inseriti sono relativi a inchieste tradotte in Italiano ma basate su fonti originali in lnglese che pertanto possono essere lette in lingua originale. Purtroppo alcuni articoli in Inglese hanno subito una revisione veloce e pertanto ci scusiamo in anticipo per eventuali errori sintattici o grammaticali soprattutto nei reportages più ampi e dettagliati.

TUTTI GLI ARTICOLI IN INGLESE SONO LEGGIBILI CON LA TRADUZIONE AUTOMATICA

Cliccando sulla Bandierina Italiana in Basso a sinistra dopo essere entrati negli articoli della Sezione in Inglese. Buona lettura


NEWS & INCHIESTE RECENTI DI GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Pedophilia on Facebook: Denounced 146 Groups. Orcs in Chat due to Hypersexualization among Minors Permitted by Zuckerberg

Rep. Jordan Subpoenas Former Manhattan Prosecutor Who Pushed for Trump Indictment. Bragg Dropped Effort to Quash It


RUSSIA & VENEZUELA “CONTRO IL RICATTO OCCIDENTALE”. Al Paese Sudamericano “Rubati” 232 Miliardi di Dollari dalle Sanzioni USA 

Nell’immagine di copertina il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il presidente venezuelano Nicolas Maduro e il vicepresidente venezuelano Delcy Rodriguez.

Il 19 aprile 2023 il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il suo omologo venezuelano Yvan Gil hanno tenuto una conferenza stampa congiunta a Caracas sottolineando l’importanza di unire le forze “contro il ricatto occidentale”.

“Con il Venezuela, abbiamo un’agenda molto ricca e una cooperazione che rafforza le basi delle nostre economie che non dipendono dai capricci e dai ricatti dei nostri colleghi in Occidente”, ha detto Lavrov.

KIEV: L’ABBRACCIO DELLA VERGOGNA. Procuratore della Corte Penale de L’Aja da Zelensky prima del Mandato di Arresto a Putin. Indaga Mosca

“Siamo convinti che la nostra esperienza sarà molto utile perché il numero di sanzioni contro di noi è enorme e stiamo acquisendo rapidamente esperienza”, ha aggiunto.

Lavrov ha osservato che il Venezuela è uno dei “partner più fedeli” della Russia e che si sta lavorando a un’agenda importante per l’unità di entrambi i paesi.

Gil ha affermato che lui e Lavrov hanno rivisto e rinnovato gli accordi bilaterali e di cooperazione, aggiungendo che i due paesi hanno firmato più di 300 accordi di questo tipo fino ad oggi. I due hanno anche annunciato sforzi per lavorare su progetti congiunti in vari campi, tra cui la produzione di petrolio, la medicina, l’agricoltura e l’esplorazione spaziale.

MADURO: L’ASSAD LATINO FA PAURA COL PETROCOIN

Il Venezuela ha perso 232 miliardi di dollari dal 2015, quando gli Stati Uniti sotto l’amministrazione Obama hanno imposto sanzioni contro il paese sudamericano, ha detto il vicepresidente venezuelano Delcy Rodriguez.

“Potevi vedere l’impatto [delle sanzioni sul paese] quando la produzione di petrolio stava diminuendo. Dal 2015, le perdite sono ammontate a 232 miliardi di dollari. È facile dirlo, ma le perdite di 232 miliardi di dollari nella principale fonte di entrate significavano allora il 99% delle entrate in valuta estera”, ha affermato Rodriguez.

VENEZUELA: PER LE SANZIONI DI TRUMP 40MILA MORTI, MOLTI BIMBI

Gli Stati Uniti hanno imposto oltre 20.000 sanzioni contro 35 paesi e hanno “condotto una guerra economica o militare contro il mondo intero”, ha aggiunto il vicepresidente. Dopo che Washington ha dichiarato il Venezuela una “minaccia alla sua sicurezza nazionale” nel 2015, l’Occidente ha introdotto 929 sanzioni unilaterali contro il paese latinoamericano, con misure statunitensi che rappresentano il 60% di tutte le sanzioni occidentali, ha affermato anche l’alto funzionario.

Rodriguez ha affermato che la guerra economica contro il suo paese equivale a sistematiche violazioni dei diritti umani poiché il popolo venezuelano è stato privato dei bisogni primari, tra cui cibo, istruzione, assistenza sanitaria.

CONTINUA A LEGGERE SU GOSPA NEWS INTERNATIONAL

Traduzione simultanea dall’Inglese all’Italiano disponibile

Venezuela’s Losses Due to US Sanctions Amount to $232Bln Since 2015. Russia alongside Maduro “against Western Blackmail”


European Countries’ Grain-Food Warfare against Ukraine. Specter of Gates’ Huge Agricultural Speculation

Brain Damages after COVID mRNA Vaccines: Pfizer Knew of 44,000 Injured since 2020! Study confirms Alert already launched by CDC and FDA

Escalation Plot: Dutch Intelligence Report points to Threat of “Russia War with West”

Project Syndicate funded by Soros, Gates and McKinsey to Promote Ukraine War as Rockefeller Council on Foreign Relations

TUTTI I PRECEDENTI REPORTAGES DI GOSPA NEWS INTERNATIONAL QUI

(Visited 1.002 times, 2 visits today)

fonte selezionata da Gospa News

Un pensiero su “Inchiesta Esclusiva – GREAT RESET DI RE CARLO III CONTRO L’EUROPA. Dall’Imperialismo Britannico alla Dittatura dell’Intelligence

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *